LA STORIA DELLA VIRTUS ASCIANO (PAG.4)

2009-2010, Gioie e dolori in casa biancoverde

 

Nel pieno della preparazione estiva della prima squadra, la Società perde un suo grande dirigente Graziano Volpi, storico direttore sportivo e grande innamorato della sua Virtus. Tutto il Club ed i giocatori furono vicini alla famiglia Volpi in quei tristi giorni a ridosso dell'avvio della stagione agonistica. La Virtus inizia questa nuova avventura forte di tutte le sue squadre dai pulcini alla prima squadra, le aspettative nei riguardi di quest'ultima sono improntate sullo svolgimento di un campionato tranquillo con il piccolo sogno dei play off. La guida tecnica e sempre di Davide Bari, nella dirigenza tecnica viene ingaggiato il noto ascianese Paolo Giustarini (ex Allenatore); mentre la Juniores è affidata all'esperienza di Mucciarelli. La prima squadra dopo una buona partenza ha raccolto una lunga serie di pareggi mentre la Juniores, dopo qualche vittoria iniziale ha incontrato le prime difficoltà perdendo vari incontri. Dopo la lunga serie di pareggi della Prima Squadra, la classifica diviene sempre più pericolante, siamo agli inizi di dicembre 2009, a questo proposito Bari rimette le sue dimissioni, la conduzione del team è affidata a Marco del Balio nome di fama nel panorama dilettantistico. Purtroppo la musica non cambia, la squadra non eccelle in risultati e viene risucchiata nei play out. Anche la Juniores vede gli spettri, e Mucciarelli consegna le dimissioni, gli succede Paolo Minucci. A marzo del 2010 un altro grave lutto colpisce il popolo biancoverde; Paolo Giustarini muore, stava lottando da tempo con un male; la triste scomparsa lascia tutti sgomenti, Paolo era benvoluto e forniva una preziosa collaborazione alla società.
Bene o male il gioco del pallone continua e la Virtus Asciano deve affrontare i Play-Out contro il Pievescola; grazie al nostro miglior piazzamento in classifica, la prima partita è in casa dei giallorossi. L'incontro sotto la pioggia battente è durissimo, i locali passano in vantaggio per poi essere agguantati nel finale da una cannonata di Periti che ipoteca per la Virtus la salvezza (Pievescola - Asciano 1-1 - andata). Nella gara di ritorno i Biancoverdi vincono per una rete a zero (V.Asciano - Pievescola 1-0 - ritorno), e mantengono la Virtus in seconda divisione.Virtus Asciano Play Out vinti contro il Pianella Festeggiamenti dopo aver vinto i Play-Out contro il Pievescola

 

La Fase Finale Campionato Nazionale Allievi e Giovanissimi

 

La stagione virtussina si conclude nel migliore dei modi perché fummo onorati di aver ospitato presso il nostro stadio nientemeno che la fase finale del campionato nazionale dei giovanissimi. Anche noi dirigenti della Virtus abbiamo svolgemmo parte attiva nell'organizzazione mettendo a disposizione il bar, fu promosso l'evento con molti sponsor, e fu organizzata l'accoglienza degli spettatori; insomma per un mese ci siamo sentiti "PROFESSIONISTI" anche noi! Le squadre più blasonate che hanno giocato ad Asciano sono state: Milan, Inter, Juventus, Vicenza e Reggina.

 

2010 - Inaugurazione dell' impianto di Illuminazione

 

Una stagione ricca di colpi di scena, l'ultima delle quali è stata la fine dei lavori dell'impianto di illuminazione presso il nuovo stadio. Così, è stata colmata una lacuna lunga 20 anni da quando il campo fu inaugurato nel 1990. Purtroppo i fondi dei mondiali non furono sufficienti a coprire anche l'illuminazione, e quindi abbiamo dovuto svolgere gli allenamenti e le partite in notturna sempre al vecchio stadio Marconi. Purtroppo anche nel glorioso stadio, l'impianto progettato dall'elettricista e sportivo Nannotti nel lontano1968 non reggeva più. Basti ricordare quando perdemmo a tavolino l'incontro di coppa contro l'Asta Taverne la quale reclamava poca visibilità ed ebbe ragione. Insomma la terminazione di questi lavori ci ha dato una bella soddisfazione sia per l'utilità che ne consegue, sia per un discorso di completezza dello stadio di via Grandi al quale mancava effettivamente "qualcosa". Poco dopo è stato portato a compimento anche l'impianto fotovoltaico che ci consentirà di risparmiare sulle onerose spese elettriche e del gas.Impianto Illuminazione Asciano StadioImpianto Illuminazione Asciano Stadio

 

Dal 2010 al 2015 la Virtus si assesta in seconda

 

In questi cinque/sei anni la squadra biancoverde ha sempre onorato la maglia raggiungendo la salvezza in seconda categoria, le risorse economiche sono quelle che sono, la crisi ha colpito anche lo sport e di conseguenza anche il procacciamento dei fondi agli sponsor si è ridotto notevolmente. Tuttavia la Virtus Asciano ha resistito all'urto ed ha atteso il miglioramento della congiuntura economica. Sono stati anni difficili, il settore giovanile era stato praticamente azzerato, le prime squadre composte da ragazzi per lo più di Asciano (compreso Daniele Giomarelli proveniente dalla Sinalunghese) hanno fatto il possibile. Nel 2013 i biancoverdi, senza particolari pressioni hanno svolto una Coppa Toscana da record raggiungendo i quarti di finale eliminando in serie Santa Fiora, Castell'Azzara, Montalcino, per poi uscire dopo una discutibile partita in Maremma in quel di Roselle.V.Asciano (2013-2014)

 

2015 - Rivoluzione Biancoverde

 

Rivoluzione Biancoverde nella stagione 2015/2016. La Società si riorganizza, entrano nel Consiglio Direttivo nuove persone con l'intento di rinnovare l'ambiente. Tra le figure di spicco troviamo il nuovo General Manager Matteo Volpi (ex giocatore del vivaio virtussino e figlio del noto Graziano), il quale si è creato una cerchia di collaboratori con l'obiettivo di proseguire il progetto sportivo del Club di via Grandi.
La Virtus rinnovata organizza cene, feste e nientemeno che il capodanno in piazza Garibaldi, tutto questo accompagnato dalle performance della prima squadra che in seconda categoria svolge il suo compito sopra le aspettative.
Un altro aspetto è il riassetto del settore giovanile ricostituito dalla scuola calcio fino ai giovanissimi.

 

La finale falsata dei Play Off contro la Casolese

 

La Stagione 2015-2016 si conclude con il miglior piazzamento della prima squadra dal 2009 a questa parte. Il traguardo del secondo posto assume tuttavia un retrogusto amaro poiché i Biancoverdi che sono stati gran parte della stagione primi in classifica, hanno visto sfumare il sogno promozione ai play-off nell’incontro casalingo contro la Casolese, una formazione allestita per il salto di categoria con un budget assai più alto rispetto alla Virtus. La partita che vede vittoriosi gli ospiti di Casole d’Elsa per 4-2; e, a prescindere del valore tecnico degli avversari, è stata falsata dalla terna arbitrale che ha danneggiato sin da principio la compagine ascianese.


I Tifosi in trasferta a Cerbaia con il Pullman

BIANCOVERDE SHOP

CLASSIFICA 2^CAT TOSCANA gir. N

RISULTATI 2^CAT TOSCANA gir. N

SCUOLA CALCIO

scuola calcio

YOUTH PROJECT

YOUTH PROJECT

STAY CONNECTED